DOMANDA DI AMMISSIONE MASTER

Multisport & Fun ed il Gruppo Asta Padova

Multisport & Fun è un’Associazione Sportiva Dilettantistica la cui affiliazione a UISP (ente di promozione
sportiva riconosciuto dal CONI) consente a tutti gli associati di godere di un’assicurazione infortuni e di altre
agevolazioni. Multisport & Fun è anche affiliata FIDAL e rappresenta lo “strumento istituzionale” del
Gruppo Asta Padova.

Gruppo Asta Padova è un gruppo informale, privo di alcuna connotazione societaria o gerarchica, di
saltatori con l’asta, del presente e del passato, di diverse società sportive. Gli appartenenti al Gruppo Asta
Padova promuovono il salto con l’asta sposando e condividendo principi e valori di Altruismo, Umiltà,
Rispetto e Professionalità. L’adesione a Multisport & Fun tramite la tessera UISP formalizza, se a buon fine,
l’appartenenza al Gruppo Asta Padova.

Leggi l'informativa completa

Gentile Tesserato,

con queste righe vogliamo darti le informazioni necessarie affinché tu sappia come sono trattati i tuoi dati personali.

Il titolare del trattamento è Multisport & Fun, sita in via XXV Aprile, 33 – 35010 – Cadoneghe PD, che puoi contattare tramite la casella di posta elettronica: segreteria@multisportfun.it.

Il trattamento dei tuoi dati personali, che hai comunicato e che abbiamo acquisito, è mirato unicamente alla realizzazione delle finalità istituzionali promosse dalla Società e previste tra cui: formazione, educazione e promozione della pratica sportiva.

I tuoi dati saranno trattati in modo lecito e secondo correttezza, come stabilito dal Regolamento Europeo UE n. 679/2016 e dal D.Lgs 196/2003 così come adeguato dal D.Lgs. 101/2018 in tema di protezione dei dati personali. Il conferimento dei tuoi dati personali è obbligatorio ai fini della partecipazione alle attività di Multisport & Fun. L’eventuale rifiuto comporterebbe l’impossibilità di partecipare alle attività della Società. Una volta associato, sarai soggetto ad obblighi di legge e regolamentari, nazionali ed internazionali ai quali non potrai sottrarti.

Il trattamento dei tuoi dati personali è svolto dal Titolare e dalle persone da Lui autorizzate. I tuoi dati possono essere comunicati a: CONI, FIDAL, CSA Nazionale ed eventuali altri enti pubblici. I tuoi dati sono inoltre comunicati agli organi di giustizia sportiva nazionale ed internazionale. Laddove si rendesse necessaria, la comunicazione dei tuoi dati potrà essere effettuata a soggetti terzi che forniscono a Multisport & Fun dei servizi collaterali e strumentali.

Per diritto di cronaca e documentazione delle attività sportive, i tuoi dati potranno essere pubblicati con i mezzi che la società riterrà più opportuni; la diffusione dei dati avverrà nei limiti dell’essenzialità nell’ informazione (principio di essenzialità) riguardo a fatti di interesse pubblico.

Il Titolare tratterà i tuoi dati personali per tutta la durata del tesseramento, per il tempo necessario ad adempiere alle finalità di cui sopra e successivamente per archiviazione a fini storici e statistici. I dati personali possono essere trasferiti verso Paesi dell’Unione Europea e verso Paesi terzi per il conseguimento delle finalità istituzionali.


In ogni momento potrai esercitare i diritti contemplati dalle normative vigenti in tema di Protezione dei Dati, più specificamente il diritto all’accesso ai dati personali, la rettifica o cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento che ti riguarda o l’opposizione al trattamento stesso e il diritto al reclamo presso una autorità di controllo. Potrai, in qualsiasi momento, esercitare i tuoi diritti scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: segreteria@multisportfun.it.

Leggi lo statuto sociale

Art.1 – Costituzione e sede: nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio degli artt.36 e ss. del codice civile, è costituita, con sede Cadoneghe Padova, un’associazione sportiva dilettantistica, che assume la denominazione di “Multisport&Fun Associazione Sportiva Dilettantistica”. L’associazione ha carattere volontario e non ha scopo di lucro. I soci sono tenuti a partecipare alla vita attiva dell’Associazione mantenendo un comportamento corretto sia nelle relazioni interne che con i terzi, nonché all’accettazione delle norme del presente Statuto.
Art.2 – Durata: l’associazione avrà durata illimitata.
Art.3 – Scopo: l’Associazione è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attivitò è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo. Essa non ha alcun fine di lucro ed opera per fini sportivi, educativi e solidaristici. Affiliandosi ad un Ente  di Promozione Sportiva e/o ad una Federazione del Coni conseguirà il riconoscimento ai fini sportivi, ne conformerà la tessera e ne riconoscerà statuti e regolamenti. In particolare i fini istituzionali dell’A.S.D. sono la formazione, l’educazione e la promozione sportiva dilettantistica, amatoriale e agonistica per la difesa e la tutela del diritto allo sport dei cittadini nei vari aspetti del rapporto dell’uomo con lo sport e le attività motorie in generale, organizzando corsi sportivi multidisciplinari.
Art.4 – Attività: l’Associazione ha per oggetto l’educazione sportiva attraverso la formazione, la promozione e la valorizzazione delle più diverse discipline sportive e la pratica dell’allenamento sportivo finalizzato alla ricerca della migliore condizione psicofisica.
A titolo esemplificativo e non tassativo l’Associazione si propone di:
a) favorire la conoscenza consapevole dell’allenamento sportivo a tutti i livelli, diffondendo percorsi e motivazioni per obiettivi sportivi diversificati raggiungibili in modi diversi attraverso l’utilizzo delle più svariate discipline (atletica leggera e pesante, pilates, body building, total body, fit rugby, zumba, spinning, bioginnastica, ginnastica posturale, e antalgica, danza moderna, hip hop, gyrotonic, gyrokinesis);
b) contribuire allo sviluppo sportivo, culturale, e civile dei cittadini e alla sempre più ampia diffusione della democrazia e della solidarietà nei rapporti umani nonché alla pratica e alla difesa del rispetto delle libertà civili individuali e collettive promuovendo l’attività motoria come motivo e momento di aggregazione dei soci;
c) formare e assistere i propri soci nelle varie discipline utilizzando anche test psicoattitudinali, materiali didattici innovativi e all’avanguardia collaborando con piscine, palestre, centri pilates, biostudi e qualsiasi tipo di impianti sportivi polivalenti sia pubblici che privati;
d) promuovere ed organizzare corsi ed allenamenti in area fitness/wellness, condividere materiale didattico tecnico sportivo, organizzare allenamenti di gruppo, partecipare a gare e tornei ed eventi;
e) promuovere ed organizzare corsi ed attività anche didattiche legate all’allenamento sportivo e a tutte le discipline affini al wellness, offrendo occasioni di incontro e aggiornamento continuo per tutti i soci;
f) promuovere ricerce, organizzare servizi, seminari, stages, incontri culturali, viaggi studio ed attività editoriali, per soddisfare le esigenze di conoscenza dei soci e migliorarne lo sviluppo sportivo;
g) organizzare e partecipare a gare e campionati curando la preparazione atletica dei soci fornendo l’assistenza tecnica a manifestazioni locali, regionali, nazionali o internazionali;
h) promuovere discipline nel campo delle tecniche di rilassamento per migliorare il benessere psicofisico dei soci come yoga, shiatsu, discipline di relax e conoscenza nutrizionale attivando servizi connessi all’utilizzo di strutture sportive (es: palestre, baby parking, centri estivi e ricreativi, camp, ecc.);
i) assistere e formare gli associati durante tutte le loro attività in tutte le discipline, consigliandoli costantemente sulle migliori metodiche e per quanto altro possa servire allo sviluppo personale ed alla diffusione dei principi e dei valori propri dell’associazione;
j) gestire e possedere, prendere o dare in locazione qualsiasi tipo di impianto o struttura, sia immobile che mobile, prendere o dare prestazioni pubblicitarie, sponsorizzazioni, prestare servizi o fare accordi con altre, associazioni o terzi in genere, nonché aprire sedi secondarie, esercitare le diverse attività in diversi luoghi o trasferire la propria sede in Italia o all’estero;
k) porre in essere eventuali attività di natura commerciale complementari (vendita di gadgets, abbigliamento, attrezzatura e merchandising sportivi), in diretta attuazione delle finalità istituzionali ed in conformetà alle normative civili e fiscali in vigore per gli enti non commerciali e per le associazioni sportive dilettantistiche;
i) gestire spacci interni per la somministrazione di alimenti e bevande riservati ai soci o punti ristoro in occasione di manifestazioni sportive, fiere o altro.
Tutta le attività dell’Associazione deve essere svolta nel rispetto delle disposizioni amministrative e fiscali vigenti.
Art.5 – Affiliazione: l’Associazione affiliandosi ad un Ente di Promozione Sportiva Nazionale riconosciuto  dal Coni otterrà il riconoscimento sportivo previsto dall’art. 90 della Legge 289/2002 e annualmente provvederà al rinnovo dell’affiliazione nei modi e nei termini stabiliti dalle procedure previste dall’Ente.
Art.6 – Soci: il numero dei soci è illimitato. Possono essere soci dell’Associazione le persone fisiche che abbiano compiuto il 18° anno d’età (per i soci di età inferiore sarà richiesto il consenso di chi ne esercita la patria podestà). E’ esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.
Art.7 – Ammissione dei soci: chi intende essere ammesso come socio dovrà farne richiesta scritta (possibile anche quella verbale) ai componenti del Consiglio Direttivo, impegnandosi ad attenersi al presente Statuto, agli eventuali regolamenti interni e alle delibere adottate dagli organi dell’Associazione. Con l’osservanza delle seguenti norme ed indicazioni da presentare al Consiglio Direttivo:
– indicare nome e cognome, luogo e data di nascita, residenza e codice fiscale;
– dichiarare di attenersi al presente statuto ed alle delibere degli organi sociali;
– consentire il trattamento dei dati personali come previsto delle normative.
E’ compito del legale rappresentante dell’associazione o di altro membro del Consiglio Direttivo da lui delegato, anche verbalmente, valutare in merito all’accettazione o meno della domanda. L’accettazione, seguita dall’iscrizione al lubro soci, dà diritto immediato a ricevere la tessera sociale, acquisendo quindi la qualifica  di “socio”. Nel caso in cui la domanda sia respinta, l’interessato può presentare ricorso, sul quale si pronuncia in via definitiva il Consiglio Direttivo, alla prima convocazione, con la maggioranza di almeno i due terzi dei componenti verrà deliberato il rilascio o meno della tessera sociale e il richiedente acquisterà ad ogni effetto la qualifica di socio.
Art.8 – Incompatibilità: Qualora si manifestino motivi d’incompatibilità del nuovo socio con le finalità statutarie e con i regolamenti dell’associazione, entro trenta giorni successivi all’iscrizione del socio stesso, il Consiglio Direttivo ha la possibilità di revocare tale iscrizione. In questo caso l’interessato potrà presentare ricorso sul quale si pronuncia in via definitiva l’assembela dei soci alla prima convocazione.
Art.9 – Quote sociali: i soci sono obbligati a versare una quota d’iscrizione annua uguale per tutti. Tale quota è stabilita di anno in anno in funzione dei programmi di attività con delibera del Consiglio Direttivo e non potrà mai essere restituita. Oltre alla quota di iscrizione l’associazione potrà richiedere altre quote contributive aggiuntive, straortinarie cicliche, mensili o settimanali per le attività sportive e per i servizi complementari e sociali.
Art.10 –  Diritti dei soci: la qualifica a socio dà diritto:
– a frequentare tutti gli spazi dell’Associazione e a partecipare a tutte le attività sportive e manifestazioni indette dall’Associazione stessa con i metodi stabiliti di volta in volta dal Consiglio Direttivo;
– a partecipare alla vita associativa, esprimendo il proprio voto nelle sedi deputate, anche in ordine all’approvazione e modifica delle norme dello Statuto e di eventuali regolamenti;
– a partecipare alle elezioni degli organi direttivi.
I soci con la domanda d’iscrizione, eleggono domiclio per i rapporti sociali, presso la sede dell’Associazione.
Art.11 – Obblighi dei soci: i soci sono tenuti:
– all’osservanza dello Statuto, del Regolamento e delle deliberazioni assunte degli organi sociali, comprese eventuali integrazioni della cassa sociale attraverso versamenti di quote straordinarie;
– al pagamento delle quote sociali.
Art.12 – Obbligazioni sociali: l’Associazione risponde per tutte le obbligazioni assunte dagli organi amministrativi nel rispetto del presente Statuto e della legge, nonché nei limiti della delega ricevuta esclusivamente con il proprio patrimonio. Tutti i membri del Consiglio Direttivo rispondono personalmente e solidalmente fra loro delle obbligazioni assunte verso terzi dalle persone che rappresentano l’Associazione nell’ambito del mandato loro conferito. Conseguentemente anche la responsabilità per danni e/o risarcimenti inerenti lo svolgimento dell’attività associativa saranno assunti in solido e collegialmente dal Consiglio Direttivo.
Art.13 – Recesso dei soci: la qualifica di socio si perde:
a) in caso di dimissioni scritte o verbali indirizzate al Consiglio Direttivo;
b) per mancato versamento della quota e dei contributi associativi;
c) per causa di morte;
d) per esclusione.
Art.14 – Esclusione dei soci: l’esclusione sarà deliberata, a maggioranza assoluta, dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio:
1. che non ottemperi alle disposizioni del presente Statuto, degli eventali regolamenti e delle deliberazioni adottate dagli organi dell’Associazione;
2. che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell’Associazione;
3. che in qualunque modo, arrechi danni gravi, anch morali, all’Associazione;
4. che, senza giustificato motivo, si renda moroso del versamento del contributo stabilito per la tessera e delle quote sociali senza giustificato motivo.
I soci esclusi per morosità potranno, dietro domanda, essere riammessi pagando una nuova quota associativa. Tali riammissioni sarano deliberate alla prima assemblea dei soci. I soci esclusi potranno ricorrere contro il provvedimento alla prima assemblea ordinaria.
Art.15 – Comunicazioni: le deliberazioni prese in materia di recesso, decadenza ed esclusione debbono essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera, fax o mail e queti non avranno diritto al rimborso delle quote versate.
Art.16 – Patrimonio: il patrimonio è indivisibile ed è costituito:
– dalle quote e dai contributi associativi, oblazioni, contributi o liberalità che pervenissero all’Associazione per il conseguimento degli scopi sociali e da avanzi di gestione;
– dai beni immobili e mobili acquistati o pervenuti a qualsiasi titolo;
– da eventuali contribuzioni volontarie in particolari occasioni;
– dagli accantonamenti a dei fondi di riserva;
– da tutto quanto altro, ancorché qui non espressamente specificato, entri nella disponibilità dell’Associazione.
E’ fatto divieto di distrubuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione salvo che la destinazione o distribuzione siano imposte dalla legge.
Il patrimonio non è mai ripartibile fra i soci durante la vita dell’Associazione né all’atto del suo scioglimento, le quote sociali e la tessera in particolare, non sono rimborsabili, rivalutabili, ne trasmissibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte.
Art.17 – Esercizio sociale: l’esercizio sociale va dal 01/01 e fino al 31/12 di ogni anno. Il primo esercizio si chiude il 31 dicembre 2017. Entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio sociale il Consiglio Direttivo deve predisporre il rendiconto da presentare all’Assemblea degli associati entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio. L’eventuale residuo attivo sarà impiegato per la costituzione di fondi di riserva e per iniziative di carattere sportivo, per nuovi impianti e/o ammodernamento delle attrezzature.
Art.18 – Organi: sono organi dell’Associazione:
– l’Assemblea degli associati;
– il Consiglio Direttivo;
– il Presidente;
– il Segretario.
Art.19 – Assemblea: l’Assemblea degli associati è composta dalla generalità dei soci. Le assemblee sono ordinarie o straordinarie. La loro convocazione deve effettuarsi mediante avviso scritto affisso nei locali dell’associazione (ma anche attraverso fax, mail, sms o altro mezzo idoneo a favorire la partecipazione dei soci), almeno quindici giorni prima della data di convocazione, contenente l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’orario della prima e seconda convocazione.
Art.20 – Assemblea ordinaria: l’Assemblea ordinaria delibera in particolare:
– sull’approvazione del rendiconto annuale e si esprime sulla relazione consuntiva e programmatica;
– sulla nomina del Consiglio Direttivo, del Presidente e del Vice Presidente del Consiglio Direttivo ogni quattro anni;
– delibera su tutti gli altri oggetti attinetni ala gestione dell’Associazione riservati alla sua competenza dal presente Statuto o sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo;
– approva gli eventuali regolamenti.
Essa ha luogo almeno una volta all’anno entro 120 giorni successivi alla chiusura dell’esercizio sociale. L’Assemblea si riunisce, inoltre, quante volte il Consiglio Direttivo lo ritenga necessario o ne sia fatta richiesta per iscritto, con indicazione delle materie da trattare, da almeno un terzo degli associati; in questo caso la convocazione deve aver luogo entro trenta giorni dalla data della richiesta.
Nelle assemblee ogni associato ha diritto ad un solo voto secondo il principio del voto singolo di cui all’art 2532 comma 2° del Codice Civile.
Art.21 – Assemblea straordinaria: l’Assemblea, di norma, è considerata straordinaria quando si riunisce per deliberare sulle modificazioni dello Statuto, sullo scioglimento dell’Associazione nominando i liquidatori, sul trasferimento della sede e su ogni altro argomento di carattere straordinario sottoposto alla sua approvazione dal Consiglio Direttivo.
Essa è convocata:
– tutte le volte che il Consiglio Direttivo o il Presidente lo reputino necessario;
– ogni qualvolta ne faccia richiesta motivata almeno 1/3 dei soci;
– ogni volta ne faccia richiesta l’organo di controllo o commissione di verifica bilanci e rendiconti (se istituiti);
l’Assemblea dovrà aver luogo entro trenta giorni dalla data in cui è richiesta.
Art.22 – Deliberazioni assemblea: in prima convocazione l’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita quando siano presenti la metà più uno degli associati aventi diritto. In seconda convocazione, l’Assemblea ordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli associati intervenuti. Nelle assemblee hanno diritto di voto gli associati maggiorenni. Le delibere dell’Assemblea ordinaria sono valide, a maggioranza assoluta dei voti. La seconda convocazione dovrà avere luogo almeno ventiquattro ore dopo la prima.
L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, può deliberare, quando ne faccia richiesta almeno 1/3 dei presenti:
a) a scrutinio segreto;
b) per alzata di mano.
Nella votazione per alzata di mano è sempre ammessa la controprova.
Art.23 – Modifiche allo statuto o regolamento: per deliberare sulle modifiche da apportare allo statuto o al regolamento, sullo scioglimento o sulla liquidazione dell’Associazione, è indispensabile la presenza di almeno il 50% dei soci ed il voto favorevole dei 3/5 dei presenti in prima convocazione e della maggioranza dei presenti in caso di seconda convocazione.
La seconda convocazione deve avere luogo almeno ventiquattro ore dopo la prima.
Art.24 – Assemblea: l’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione ed in usa assenza dal Vice Presidente o dalla persona designata dall’assemblea stessa. La nomina del Segretario è fatta dal Presidente dell’Assemblea. Le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro dei verbali.
Art.25 – Consiglio direttivo: l’Associazione è retta da un Consiglio Direttivo che cura l’amministrazione ordinaria e straordinaria. Il Consiglio Direttivo è formato da un minimo di 3 ad un massimo di 9 Consiglieri scelti fra gli associato, che restano in carica per quattro anni e sono rieleggibili, essi non possono ricoprire cariche sociali in altre associazioni o società sportive nell’ambito della medesima disciplina sportiva.
Il Consiglio elegge nel suo seno il Segretario con funzioni di tesoriere.
Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente tutte le volte nelle quali vi sia materia su cui deliberare, oppure quando ne sia fatta domanda da almeno 1/2 dei membri. In ogni caso, si riunisce ogni 4 mesi. In assenza del Presidente la riunione sarà presieduta dal Vice Presidente. La convocazione è fatta mediante sms, fax o mail almeno 7 giorni prima dell’adunanza. Le sedute sono valide quando vi intervenga la maggioranza dei componenti. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta di voti. Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione dell’Associazione. Spetta, pertanto, tra l’altro a titolo esemplificativo, al consiglio:
1. redigere i programmi d’attività sociale previsti dello statuto sulla base delle linee guida approvate dall’assemblea dei soci;
2. curare l’esecuzione delle deliberazioni assembleari;
3. redigere il rendiconto economico;
4. compilare i progetti per l’impiego degli avanzi di gestione da sottoporre all’Assemblea;
5. stabilire la quota annua, gli eventuali contributi straordinari e tutte le altre risorse da utilizzare per le attività dell’Associazione;
6. compilare eventuali regolamenti interni da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;
7. stipulare tutti gli atti e contratti inerenti all’attività sociale;
8. deliberare circa l’ammissione, il recesso, la riammissione e l’esclusione dei soci;
9. favorire la partecipazione dei soci alle attività dell’associazione;
10. compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell’Associazione;
11. decidere in merito all’acquisto e vendita di beni mobili ed immobili (automobili, attrezzature sportive, impianti etc.) riguardanti l’attività dell’associazione.
Art.26 – Sostituzione: in caso di mancanza di uno o più componenti il Consiglio provvede a sostituirli, tramite cooptazione, fino ad un numero massimo di un terzo dei suoi componenti. Se viene meno la maggioranza dei membri, quelli rimasti in carica devono convocare l’assemblea perché provveda alla sostituzione dei mancanti.
Art.27 –  Presidente: il Presidente che viene eletto dall’Assemblea ordinaria ha la rappresentanza e la firma legale dell’Associazione. Al Presidente è attribuito in via autonoma il potere di ordinaria amministrazione. In caso di assenza od impedimento del Presidente, la firma sociale spetta al Vice Presidente.
Art.28 – Scioglimento: lo scioglimento dell’Associazione può essere deliberato dall’Assemblea con la presenza del 50% dei soci ed il voto favorevole di almeno i tre quinti dei presenti avente diritto di voto in prima convocazione e con il voto favorevole della maggioranza dei presenti in seconda convocazione. In caso di scioglimento dell’Associazione sarà nominato un liquidatore nella persona del Presidente pro-tempore e l’Assemblea delibererà con la maggioranza prevista all’art.23 sulla destinazione del patrimonio residuo, sperita la liquidazione di tutti i beni mobili ed immobili, estinte le obbligazioni in essere, tutti i beni residui saranno devoluti, al fine di perseguire finalità di utilità generale, a Enti o Associazioni che perseguono la promozione e lo sviluppo dell’attività sportiva o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo dicui all’art.3 della Legge 23/12/1996 n.662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.
Art.29 – Organo di controllo (facoltativo): l’Organo di controllo è composto di 3 membri anch’essi soci, eletti dall’Assemblea e dura in carica quattro anni. E’ data la possibilità all’organo di controllo di cooptare altri membri fino ad un massimo di 1/3 dei suoi componenti e sarà necessaria la ratifica alla prima assemblea ordinaria. La carica di membro dell’organo di controllo è incompativile con quella di membro del Consiglio Direttivo.
Art.30 – Clausola compromissoria: per qualsiasi controversia, i soci s’impegnano a non adire ad altre autorità, compresa quella giudiziaria; per le questioni non risolvibili dagli organi sociali, si rimettono al giudizio inappellabile di un collegio arbitrale composta di due membri nominati dalle parti più un terzo di comune accordo.
Art.31 –  Per quanto non espressamente contemplato dal presente Statuto valgono, in quanto applicabili, le norme del codice civile e le disposizioni di legge vigenti.